Archivi categoria: Cosmesi fai-da-te

Guida ai detergenti ecologici fai da te

Arriva la seconda parte dei detergenti ecologici fai da te (per chi non avesse letto la prima parte eccovi il link: Guida ai detergenti ecologici e fai da te parte 1), oggi vi parlo di due componenti importanti che non possono mancare nella nostra casa, ossia il PERCARBONATO DI SODIO e L’ACIDO CITRICO.

     IL PERCARBONATO DI SODIO

Il percarbonato ha proprietà igienizzanti e sbiancanti anche a basse temperature.

Un cucchiaio di questa polverina bianca aggiunto ad un detersivo liquido o in polvere, può sostituire efficacemente lo smacchiatore o la candeggina.

La stessa quantità, si può impiegare per l’ammollo di indumenti particolarmente sporchi come i pannolini lavabili o indumenti sportivi (per i colorati, meglio non prolungare il tempo di ammollo oltre i 60 minuti), oppure, inserita nell’apposita vaschetta della lavatrice, per effettuare il prelavaggio.

Il percarbonato non contiene profumi, che possono causare irritazioni e reazioni allergiche.

Le macchie più ostinate possono essere trattate direttamente con questa sostanza naturale che può essere usato anche per la pulizia di piatti e stoviglie (insieme al detersivo).

A differenza di altri smacchiatori, il percarbonato di sodio non contiene tensioattivi, enzimi, né sbiancanti ottici o azzurranti, composti inquinanti che, come dice il nome, più che sciogliere le macchie, le rendono invisibili all’occhio umano, coprendole con una patina che modifica le proprietà riflettenti del tessuto.

 

MODO D’UTILIZZO:

  • Un cucchiaio (25 g) nella vaschetta della lavatrice, servirà ad eliminare le macchie più ostinate potenziando l’effetto del detersivo ed inoltre igienizzerà i capi.
  • Un cucchiaio (25 g) aggiunti al detersivo per la lavastoviglie servirà ad igienizzare le stoviglie rendendole più brillanti.
  • Due cucchiai (50 g) in una bacinella di acqua calda nella quale immergere e lasciare in ammollo per qualche ora  tovaglie, canavacci e calzini prima di metterli in lavatrice, serviranno a far ritornare all’ ”antico splendore” i panni.
  • Tre cucchiai (75 g) in un secchio con 5/7 litri di  acqua tiepida o meglio ancora calda serviranno per risciacquare lo straccio/mocio con il quale lavate i pavimenti.
  • 100 g in un litro di acqua (volendo con l’aggiunta di 4 gtt di olio essenziale di lavanda o tea tree) vi fornirà un eccellente miscela pulente ed igienizzante, da utilizzare su tutte le superfici lavabili della cucina e del bagno, e come pretrattante sulle macchie difficili dei capi prima di metterle in lavatrice.

 L’ACIDO CITRICO

Passiamo ora ad un altro problema, IL CALCARE , per eliminarlo da sanitari, vetri e altre superfici ( non usatelo su marmo e materiali delicati) si può usare una soluzione al 15% (in un flacone spray  pulito diluite in un litro d’acqua, meglio se distillata e tiepida per facilitarne lo scioglimento, 150 grammi di acido citrico e avrete il vostro anticalcare ecologico) di acido citrico, una sostanza ottenuta dalla lavorazione degli agrumi (in special modo dai limoni), è un acido debole e del tutto naturale.

MODO D’UTILIZZO :

  • Trattamento per lavatrice e lavastoviglie: Utilizzando l’Acido Citrico nei lavaggi svolgiamo un piccolo trattamento di bellezza al macchinario stesso, ciò non toglie che una volta ogni tanto, si possa effettuare un lavaggio a vuoto inserendo 1 bicchiere di Acido Citrico nel cestello.

 

  • Anticalcare: come detto in precedenza l’Acido Citrico è un Anticalcare per eccellenza, sostituisce in modo esemplare tutti quei prodotti estremamente tossici e altamente inquinanti. Basta distribuirlo su tutte quelle superfici dove si va a formare il calcare. Occorrono pochi minuti per agire efficacemente, dopodiché con l’aiuto di un panno in microfibra lavate ed asciugate le zone trattate. La vostra casa splenderà senza esservi intossicati.

 

  • Ammorbidente : Rispetto ai soliti ammorbidenti, l’acido citrico agisce in maniera del tutto differente, non si introduce nelle trame dei tessuti gonfiandole e dando una sensazione di morbidezza (rimanendo a contatto con la pelle), ma scioglie il calcare rimasto sui tessuti rendendoli naturalmente più morbidi e lo sciacqua via. Importante è che l’Acido Citrico venga preso dalla lavatrice al momento giusto, quindi è necessario inserirlo nella vaschetta dell’ammorbidente evitando di superare il livello max contrassegnato sulla vaschetta stessa, in quanto se lo si supera l’Acido Citrico finisce subito nel cestello e la sua azione è vanificata dall’ingresso di nuova acqua durante il ciclo di lavaggio.

 

  • Brillante per lavastoviglie: altro che pastiglie e brillantanti vari, si fa largo l’idea che tali sostanze siano dannose alla salute, considerando che il brillantante non viene sciacquato è decisamente controindicato utilizzarlo. L’Acido Citrico è un prodotto alimentare del tutto innocuo alla salute, anzi già lo assimiliamo in diversi prodotti tra i quali bevande e latticini e grazie al suo potere anticalcare sostituisce egregiamente il classico brillantante. Va inserito nell’apposita vaschetta.

 

  • Decalcificante per la macchina caffè espresso: chi possiede la macchina per il caffè espresso, sa quanto costano le buste anti calcare, inoltre i primi caffè dopo la decalcificazione sono imbevibili. L’Acido Citrico può essere utilizzato per la pulizia della macchina, ne basta mezzo litro. Per la modalità bisogna seguire le istruzioni della macchina stessa, i primi caffè non saranno più da buttar via.

 

PERCHE’ SCEGLIERLI:

  • MENO IMPATTO AMBIENTALE
  • BUCATO PULITO/IGIENIZZATO
  • RIDUZIONE DELLA BOLLETTA/SPESA

Questi tre punti, uniti a semplici regole, saranno il vostro “buon proposito” che vi porterà verso grandi soddisfazioni.

  • Non occorre fare lavaggi ad alta temperatura, dal momento che i detersivi moderni, inclusi quelli ecologici, sono efficaci già a 30/40 gradi.
  • Chi ha la possibilità, dovrebbe sempre sfruttare il sole per asciugare il bucato che, oltre a far risparmiare sull’eventuale asciugatrice, i raggi ultravioletti hanno proprietà smacchianti e igienizzanti.
  • Fate la lavatrice a pieno carico fa risparmiare energia, inoltre è opportuno ridurre la quantità di detersivo per limitare l’impatto sull’ambiente acquatico.
  • Seguite sempre le fasce orarie in cui il risparmio è garantito
  • Evitare le lavanderie a secco, vi lascio in allegato un link che vi riporta ad un opuscolo che vi spiega il motivo:  Lavanderia a secco no grazie
  • Non sempre occorre stirare, a meno che non parliamo di camice o pantaloni dal tessuto particolare, il ferro da stiro può restare anche spento, imparate ad utilizzare la centrifuga a basso voltaggio, stendere i panni utilizzando le grucce e spesso sullo stendibiancheria le mollette non sono necessarie.   Un cucchiaio di questa polverina bianca aggiunto ad un detersivo liquido o in polvere, può sostituire efficacemente lo smacchiatore o la candeggina. Il percarbonato non contiene profumi, che possono causare irritazioni e reazioni allergiche.   Il percarbonato di sodio, così come l’acido citrico si possono acquistare a prezzi contenuti nei negozi di prodotti ecologici, in molte farmacie e shop online e in qualche supermercato (acqua&sapone ed ipersoap). Avendo una naturale azione anticalcare, infine, questa sostanza migliora il bucato in presenza di acque dure. 

COSTI E REPERIBILITA’

Il percarbonato di sodio e l’acido citrico si possono acquistare a prezzi contenuti nei negozi di prodotti ecologici, in molte farmacie e shop online e in qualche supermercato (acqua&sapone ed ipersoap). Avendo una naturale azione anticalcare, infine, questa sostanza migliora il bucato in presenza di acque dure.

  • Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

Consigli a cura di Simona Di Scala

 

Guida ai detergenti da supermercato ecologici e fai-da-te per l’igiene e la salvaguardia della casa

PARTE 1

 

Carissimi lettori di Eco-Style, ho deciso di scrivere un articolo che spero possa esser d’aiuto per coloro che vogliono migliorare la pulizia e la cura della casa, e anche risparmiare, e perché no.. magari far si che anche i più cinici si ricredano dei benefici che ne può trarre l’ambiente.

Sfatiamo il mito che: se utilizzi detersivi chimici la casa è super pulita, igienizzata  e sicura per i tuoi figli. NO non è così.

Iniziamo da una serie di elenchi di detergenti sia fai da te, sia eco-bio (super low cost) da utilizzare ed eventualmente sostituire con tutto ciò che è chimico e dannoso per voi e l’ambiente.

IL  FAI DA TE

Sono prodotti che in molti avrete sicuramente in casa oppure che potreste reperire facilmente in qualsiasi supermercato, farmacia o erboristeria:

  • BICARBONATO
  • ACETO DI VINO BIANCO O DI MELE
  • OLIO EXTRA VERGINE D’OLIVA
  • PANNI IN MICROFIBRA
  • PANNO A NIDO D’APE PER LA POLVERE
  • SAPONE DI MARSIGLIA ECOLOGICO
  • SODA SOLVEY
  • LIMONI
  • OLI ESSENZIALI DI LAVANDA, TEAT TREE, EUCALIPTO

PRODOTTI ECO-BIO

Finalmente  nei supermercati è possibile trovare detergenti per la pulizia e la cura di tutta la casa, con INCI perfetti e biodegradabili, prodotti super concentrati per evitare ulteriori sprechi, che garantiscono in ogni caso un pulito impeccabile.

Al momento in Italia l’azienda Winni’s la fa da padrona, a distanza di anni ha modificato e migliorato le suo formule (son contenta perché anni addietro erano pochi i suoi prodotti da INCI biodegradabile).

  • WINNI’S PAVIMENTI
  • WINNI’S AMMORBIDENTE
  • WINNI’S NATUREL LAVATRICE
  • WINNI’S PIATTI IPOALLERGENICO
  • WINNI’S LAVASTOVIGLIE
  • WINNI’S ANTICALCARE
  • WINNI’S SGRASSATORE
  • WINNI’S NATUREL PIATTI LIME E FIOR DI MELA
  • DETERSIVO PER LAVATRICE ALGA
  • SAPONE DI MARSIGLIA PROVENZALI
  • DETERSIVO PER LAVATRICE ALBA
  • SAPONE SOLIDO ALGA
  • SAPONE SOLIDO ALBA
  • PERCARBONATO
  • LISCIVA (CENERE PER BUCATO)
  • ACIDO CITRICO
  • NR PLUS DETERGENTE UNIVERSALE PER TUTTA LA CASA (Quest’ultimo appartiene ad un’azienda svizzera chiamata Just, che vende tramite consulenti, lo trovo un ottimo prodotto, lo utilizzo per pulire tutta la casa, a partire dai piatti sino al bagno, è molto concentrato per cui bastano poche gocce di detergente unite agli oli essenziali per avere pulizia ed igiene garantita, per chi fosse interessato o vuole saperne di più, può contattarmi in privato)

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 


 

A questo punto la lista dei prodotti facilmente reperibili nei supermercati termina qui, prossimamente vi elencherò altri detergenti acquistabili tramite siti online o negozi fisici come Biobottega e NaturaSì.

In allegato ho preparato alcune “immagini guida” sui prodotti da supermercato

Buon acquisto e buon risparmio ecologico a tutti.

Consigli a cura di Simona Di Scala

Come curare i nostri capelli durante la calda stagione

Salve a tutti, amici di Eco-Style! Oggi vorrei parlare di un argomento che potrebbe interessare un po’ tutti, ossia la cura dei capelli durante l’estate.
A seconda del tipo di vacanza che scegliamo, che sia al mare, in montagna o nei parchi acquatici, un’esposizione prolungata sotto il sole può inaridire i capelli, disidratarli e creare le famose doppie punte.
Forti aggressioni a causa di fattori climatici come il vento, la salsedine, la sabbia, l’eccessiva esposizione ai raggi solari, o trattamenti chimici e ad un uso prolungato della piastra, possono maltrattare i capelli, e portare alla perdita della lucentezza e dello spessore, indebolendolo fino a farlo cadere.

Eccovi alcune semplici regole da seguire.

– Salsedine, sabbia, polvere e sudore devono essere asportati ogni volta che si va al mare con uno shampoo leggero e biologico eccovi un piccolo elenco di prodotti da supermercato:
• Shampoo Dottor Schultz camomilla
• Shampoo Gently
• Shampoo Viviverde Coop
• Shampoo alla camomilla Garnier ultra dolce
• Shampoo ai semi di lino Provenzali
• Shampoo Omia a scelta tra Aloe, Argan, Macadamia
Un altro rimedio semplice da utilizzare sulla spiaggia, circa una mezz’ora prima di tornare a casa (evitando lo shampoo e phon) è sciacquare i capelli utilizzando dell’ acqua dolce e 4 gocce di O.E. di limone o rosmarino (gli oli sono facoltativi, se si sceglie di aggiungere l’olio di limone è importante far si che non venga a contatto con la vostra pelle).
-L’ultimo risciacquo dopo lo shampoo andrebbe eseguito con acqua fredda mescolata con 1 cucchiaio di aceto di mele: ristabilisce la naturale acidità del cuoio capelluto chiudendo tutte le squame, purificando e donando riflessi naturali a seconda del vostro colore, inoltre i capelli risulteranno ulteriormente puliti e morbidi.
-Preferire un’asciugatura naturale anziché il phon.
-Almeno un paio di volte la settimana, prima dello shampoo, i capelli andrebbero nutriti con un impacco fai da te (sotto troverete la mia ricetta).
-Evitiamo di esporre i capelli al sole senza protezione nelle ore più calde: i raggi solari intaccano la cheratina e indeboliscono il cuoio capelluto, l’utilizzo di un cappello leggero e chiaro vi aiuterà durante le ore più cruciali.
-Utilizzate un olio vegetale a scelta tra: cocco, jojoba, riso, sesamo etc. o addirittura il burro di karitè, un grasso vegetale estratto dal seme della bacca del Butyrospermum parkji, un albero d’alto fusto noto in Africa come “albero della salute”. Il burro di karitè, ottenuto per pressione a freddo, è una pasta color bianco avorio con proprietà emollienti, antiossidanti e idratanti. Basta scaldare tra le mani una quantità pari a un cucchiaino di burro e poi stenderlo sui capelli e sulla testa al posto dei normali filtri solari chimici.
-Prima di iniziare le nostre vacanze è utile un’integrazione alimentare specifica di rinforzo: assumiamo ogni mattina una perla (o un cucchiaino) di olio di germe di grano, oppure sono ideali gli integratori a base di miglio, mangiare frutta secca come mandorle noci, bere acqua tiepida e limone etc..
-Durante l’estate i capelli vanno quotidianamente idratati e nutriti con un balsamo: la sera, dopo lo shampoo, applichiamo su cuoio capelluto e capelli un prodotto trattante, preferibilmente a base di camomilla, aloe vera o avena, sostanze ristrutturanti lenitive.
Balsamo con buon INCI da supermercato:
• Balsamo Garnier mandorla dolce e fiori di loto
• Balsamo Dr. Shultz Camomilla
• Balsamo Fructis puliti e brillanti
• Balsamo Splend’or Cocco, Karitè, frutti rossi

 

-Mangiate molta frutta e verdura di stagione, e bevete molta acqua possibilmente naturale e a temperatura ambiente, oppure se il caldo è troppo opprimente preparatevi un bell’infuso freddo (come la ricetta che vi ho postato inizialmente), vi sarà d’aiuto e ne beneficerà tutto l’organismo inclusi i vostri capelli.

IMPACCO FAI DA TE PER OGNI TIPO DI CAPELLO

Se i capelli sono deboli:
2 cucchiai di yogurt greco intero
1 cucchiaio di miele
1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
3 gtt di o.e. a scelta tra limone e rosmarino (facoltativo)

 

PROCEDIMENTO
Mescolate gli elementi in una ciotola riciclata appositamente per i vostri impacchi, maschere etc. Aggiungete le gocce di olio essenziale alla fine, date un ultima mescolata e applicate su tutta la chioma pettinata ed inumidita in precedenza, avvolgete i vostri capelli in una pellicola da cucina e in un asciugamano in microfibra, lasciate agire per circa 20 min.

 

Se i capelli sono secchi:
Un frutto di stagione come il melone o di avocado è utile per nutrire i nostri capelli, soprattutto quelli sottili e sfibrati.
Frullate 50g di melone e aggiungete 20g di olio extra vergine d’oliva

PROCEDIMENTO
Applicare prima dello shampoo sui capelli bagnati lasciar agire per almeno 10 minuti.

Per capelli con doppie punte:
1 cucchiaio di olio d’oliva
1 cucchiaio di olio di ricino
1 cucchiaio di olio di cocco

PROCEDIMENTO
Mescolate gli oli vegetali e applicate su tutta la lunghezza e le punte evitando la radice e lasciate agire per circa 10 min.

Bene con questo è tutto, spero di esservi stata d’aiuto, auguro a tutti una buona estate ed un buon eco-style.

 

Consigli a cura di Simona Di Scala

  

Cellulite, non ti temo!

Impacco 100% naturale ed ecologico  

 

Salve a tutti, oggi voglio consigliarvi una ricetta semplicissima per contrastare LA CELLULITE, uno degli inestetismi più combattuti, soprattutto nel periodo primaverile ed estivo, quando cerchiamo di migliorare la forma e il nostro aspetto fisico per sentirci al meglio con noi stesse.

I famosi rimedi della nonna sono quelli che veramente hanno effetti a dir poco sorprendenti, senza spendere tanti soldi in costosissime creme o fanghi che contengono sostanze dannose per noi (in particolar modo per chi ha problemi ormonali e tiroidei) e per l’ambiente.

Anzitutto cerchiamo di capire di cosa si tratta e cosa comporta.

 

COS’E’ LA CELLULITE

La “cellulite”, meglio riconoscibile con il termine “pannicolopatia edematofibrosclerotica”, è una condizione (attenzione non è una malattia) che colpisce circa l’80-95% delle donne in età fertile, principalmente collegata ad una stasi micro-circolatoria dell’ipoderma a livello degli arti inferiori, con alterazione dello scambio plasmatico tissutale. Colpisce tutte le donne sia obese che normolinee o magre.

 

 

COME RICONOSCERE LA CELLULITE

Ipertrofia delle cellule adipose che subiscono alterazioni di forma e volume, con rotture e lacerazioni della membrana citoplasmatica che le avvolge, e conseguente fuoriuscita dei trigliceridi, che diffondono a livello dei tessuti, negli spazi intercellulari.

Accumulo di liquidi in eccesso (ritenzione idrica). L’equilibrio del sistema venoso e linfatico è modificato con un rallentamento del flusso sanguigno ed una ritenzione di liquidi da parte dei tessuti.

Fenomeni involutivi del tessuto reticolare intorno agli adipociti, con interessamento anche delle fibre di collagene.

I tre stadi evolutivi della cellulite:

Fase edematosa: la cellulite si avverte solo al tatto, in questa fase precoce prevale il ristagno di liquidi nei tessuti, con gonfiori od edemi, localizzati principalmente intorno alle caviglie, ai polpacci, alle cosce e alle braccia

  • Fase fibrosa: viene coinvolto il tessuto adiposo. A causa dei liquidi penetrati nei tessuti, le cellule adipose si distanziano l’una dall’altra e non riescono più a svolgere le proprie funzioni metaboliche. Le fibre elastiche, che rendono la pelle morbida e tesa, vengono compresse dalle cellule adipose; le fibre di collagene, che svolgono una funzione di sostegno, degenerano e i capillari si alterano: si formano dei piccoli noduli e l’epidermide assume l’aspetto “a buccia d’arancia”
  • Fase sclerotica della cellulite: il tessuto diventa duro al tatto, con la comparsa di noduli di grandi dimensioni; la superficie cutanea assume il tipico aspetto “a materasso” con avvallamenti e macchie di colore, è fredda e dolente al tatto.

 

CAUSE DELLA CELLULITE

 

  • ALIMENTARI
  • GENETICI
  • ORMONALI
  • FATTORI FAVORENTI O AGGRAVANTI (fumo, alcool, grassi animali, tacchi a spillo, tessuti troppo stretti e sintetici, stipsi, gravidanza, poca attività fisica, cambiamenti ormonali zuccheri, fritture, bere poca acqua, bibite gassate, medicinali etc.)

 

IL MIO CONSIGLIO, LA MIA RICETTA

 

Personalmente curo molto l’alimentazione, cerco sempre di stare attenta a cosa mangio o quantomeno ad evitare sostanze e alimenti che di base fanno male a tutto l’organismo, e che causano la cellulite, bevo molte tisane, faccio attività fisica, inoltre quando lavoro per molte ore stando seduta, cerco di assumere una posizione corretta e di fare varie pause, ora che l’estate è alle porte, la prima cosa che faccio è praticare l’acquagym, oppure nuoto evitando di prendere troppo sole e proteggendomi con prodotti naturali ed ecologici.

 

TUTTO CIO’ CHE SERVE LO OFFRE IL MARE

 

L’effetto che ha il mare sulla nostra pelle è veramente un toccasana, approfittate del nuoto, specialmente voi mamme, potreste coinvolgere anche vostro figlio e trascorrere le vostre ore divertendovi e facendo esercizio, contenti i vostri figli e contente voi dei risultati.

Sapevate che la sabbia è un ottimo esfoliante per la pelle? Ebbene si, oltre al mare e i suoi sali ricchi di sostanze ottime per il drenaggio, anche  la sabbia gioca a nostro favore, praticare uno scrub di circa 10 min (in acqua o da asciutte se si vuole un effetto più strong) per gamba, la pelle risulterà liscia tonica e morbida, così facendo stimolerete la diuresi, che agirà direttamente contro i ristagni liquidi.

 

 

IMPACCO FACILE PRATICO E VELOCE

Questo impacco è alla portata di tutti, troverete tutto ciò di cui abbiamo bisogno nella vostra cucina.

La ricetta base è sempre la stessa, ho aggiunto solo qualche modifica per avere un ulteriore beneficio ed effetto levigante e nutriente. Io lo applico inizialmente 2 volte alla settimana almeno il primo mese, dopodiché solo 1 volta a settimana.

 

INGREDIENTI

 

-2 fondi di caffè

-5 cucchiaini di cacao amaro

– infuso di tè verde q.b.

-1 cucchiaio di olio d’oliva

-1 cucchiaio di sale grosso da cucina

– 5 gtt di olio essenziale a scelta tra pompelmo, lavanda, limone, rosmarino, ginepro, cannella (sono tutti ottimi per contrastare la cellulite ovviamente l’aggiunta dell’olio essenziale è facoltativo se non li avete il prodotto è ottimo ed efficace)

 

PROCEDIMENTO

 

In una ciotola inseriamo i fondi di caffè,  il cacao e sale grosso, mescoliamo per unire sale e polveri dopo di che aggiungiamo l’olio d’oliva, l’olio essenziale andrà messo una volta aggiunta l’acqua e creato il composto. Preparato l’infuso di tè verde (non serve far bollire l’acqua basta anche semplicemente riscaldarla ed inserire un cucchiaino di foglie secche o la bustina di tè, attendere 1 minuto e filtrarla) aggiungetelo poco alla volta e mescolate, il composto dovrà risultare denso, ne troppo acquoso ne troppo secco.

Creato il nostro impacco dal profumo invitante, non ci resta altro che applicarlo nelle zone interessate, va benissimo anche sulla pancia e fianchi, fatto ciò coprite il tutto con della pellicola e lasciate agire per almeno mezz’ora.

 

I BENEFICI  

 

La naturale funzione drenante della caffeina contenuta nei fondi di caffè è il magico elemento che permette di combattere la cellulite e depurare l’epidermide mentre l’olio d’oliva idrata, nutre in profondità e lenisce la pelle.

Il cacao oltre al suo contenuto di teobromina, stimola la lipolisi e rende la pelle liscia e compatta.
Tra gli altri rimedi naturali per la cellulite c’è anche il sale marino (ecco perché consiglio di andare al mare e nuotare), che assorbe i liquidi e svolge più o meno la stessa azione dell’argilla contro le impurità.

Il tè verde è ricco di antiossidanti, apporta vari benefici al corpo e può anche essere usato per curare l’acne.

E’ uno dei metodi naturali migliori per aiutare la tua pelle a diventare luminosa, perfetta e in questo caso a sgonfiarla.

 

Insomma ecco i miei consigli e la mia piccola ricetta, spero vi piaccia e che possiate finalmente dire “CELLULITE,NON TI TEMO!”.

 

Un saluto a tutti

Consigli a cura di Simona Di Scala

 

COCCOLE AL CACAO

LA BELLEZZA FAI DA TE A COSTO ZERO

 

Buon sabato a tutti voi amici di ECO-STYLE! Oggi voglio partire con un argomento da “spignatto” ossia come farsi un prodotto cosmetico in casa a costo zero, utilizzando solo ingredienti che abbiamo nella nostra cucina.

Penso che non ci sia niente di meglio che coccolarsi con un prodotto fatto con le proprie mani, di cui si sa di cosa è composto.

La prima ricetta con cui voglio partire è una maschera anti-age idratante lenitiva e anti-impurità adatta a tutti i tipi di pelle e per tutte l’età.

E’ BENE SAPERE

Prima di applicare la maschera dobbiamo detergere il viso accuratamente con un buon detergente delicato (meglio se si usa quello intimo perché ha un pH acido ed è decisamente più delicato rispetto a saponi comuni), sciacquare accuratamente con acqua fresca e tamponare delicatamente tutto il viso senza strofinare (so che in molti lo fanno ed è sbagliatissimo, perché la pelle tenderà ad irritarsi e così facendo aiutate l’insorgere delle rughe).

INGREDIENTI E SOSTITUZIONI PER VEGANI:

1 cucchiaino di cacao amaro

1 cucchiaino di yogurt bianco o di riso/soia

1 cucchiaino di miele o gel d’aloe vera

POTETE ARRICCHIRE LA VOSTRA MASCHERA AGGIUNGENDO 1cucchiaino di amido di riso da cucina (facoltativo)

PROCEDIMENTO: In una ciotolina versate lo yogurt e il miele (un buon consiglio è riciclare un vecchio contenitore da yogurt ed utilizzarlo solo per le vostre maschere o scrub), mescolate con un cucchiaino sino a quando non si amalgamano gli ingredienti, aggiungete a poco alla volta le polveri e continuate a mescolare fino a creare una pappetta densa.
Applicate sul viso per circa 5 minuti, risciacquate utilizzando una spugnetta per il viso tamponando inizialmente per poi rimuovere più facilmente la maschera, asciugate e passate all’applicazione del vostro tonico e della vostra crema.

I BENEFICI DEL CACAO:

Il cacao è un ottimo antiossidante, ricco di POLIFENOLI che aiutano a combattere l’insorgere dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cutaneo.
Dona alla nostra pelle un immediata luminosità e morbidezza.Gioca a nostro favore anche il buon profumo che sprigiona ottimo per tirarci su di morale e donare un senso di benessere a tutto l’organismo.

 

I BENEFICI DELLO YOGURT:

Lo yogurt è un ingrediente indispensabile nella cura della nostra bellezza, sia interiore che esteriore. Grazie al suo pH acido, ci idrata e purifica dalle impurità che colpiscono il viso quali brufoli e pori dilatati.

 

I BENEFICI DEL MIELE:
Numerose sono le sue virtù, dall’azione idratante a quella energizzante fino a quella anti-acne e antinfiammatoria,dona luminosità, le sostanze antiossidanti contenute contrastano l’azione dei radicali liberi e di conseguenza, anche il processo di invecchiamento della pelle e dei tessuti. In presenza di ferite, lesioni, abrasioni o scottature, il miele favorisce anche la guarigione dei tessuti.

I BENEFICI DELL’ALOE VERA:
Cosa dire di questa pianta dalle mille virtù? Vi elenco solo una parte dei benefici che apporta al nostro viso (Tratteremo più in là anche di questo argomento)
IDRATANTE
ANTI-AGE
RIGENERANTE
ANTI-IMPURITA’
LENITIVA
ANTI-INFIAMMATORIA

 

I BENEFICI DELL’AMIDO DI RISO:

L’amido di riso è un potente antinfiammatorio che può essere utilizzato per lenire piccole irritazioni ma anche come ottimo detergente e idratante per il corpo, è capace di assorbire l’eccesso di sebo sulla nostra pelle, ed è utilizzato specialmente per detergere le zone intime dei neonati.
Il tipo di amido che di solito si trova nei supermercati è in realtà amido modificato: per ottenere i benefici migliori dalle sue virtù di alleato di bellezza bisogna acquistare l’amido di riso purissimo, che si trova in erboristeria.

 

IL MIO PARERE

Trovo questa maschera un vero e proprio toccasana, adoro il suo profumo e la sensazione che mi dà sia durante l’applicazione, che dopo.
La applico una volta a settimana, ma può essere applicata anche due volte a settimana a seconda delle esigenze (es. colorito spento e pelle secca).

Questo è tutto amici, spero che vi piaccia e che la proviate, alla prossima.

 

Consigli a cura di Simona Di Scala