Archivi tag: forio

Ischia ancora avvolta nelle fiamme, duro fato per case e macchia mediterranea

È un durissimo colpo quello stiamo subendo in questi giorni sulla nostra Isola Verde ed è indescrivibile lo stato delle cose, quasi surreale: stamattina mentre leggevo la notizia al giornale locale, mi è venuta una pena grandissima per le persone che sono state evacuate tra Forio e Lacco Ameno, per chi ha rischiato la vita e per la distruzione di un ampio lato sul mare di macchia mediterranea di Lacco Ameno che mi stava molto a cuore. Si parla di natura dolosa ed io personalmente non potrei non essere d’accordo. Non mi vengono altre parole, questi incendi hanno devastato posti bellissimi, unici nel loro genere e case abitate da persone che hanno perso tutto. Ischia è sempre stato un paese tranquillo, avvolta nel suo alone di romantico guaritore termale. Cosa altro ci vogliono portare via? Vogliono incuterci paura? Noi sopravviveremo e andremo avanti, non permetteremo che questi “Orchi” ci facciano cadere nella disperazione.

“Lupi e Orchi dimoravano a Isengard, perché Saruman stava radunando grandi forze per conto “proprio, quale rivale di Sauron e non ancora quale servitore. Un fumo scuro stagnava in basso e si avvolgeva intorno ai fianchi di Orthanc.”

Estratto di: John Ronald Reuel Tolkien. “Il signore degli anelli.” Bompiani, 2011.

Casa De Luciano distrutta a Forio ed una famiglia intera sottratta al rogo. Ed ancora, venti case delle vacanze evacuate ed allontanati per precauzione anche una quarantina di turisti ospiti del resort San Montano. E’ il bilancio ancora parziale della ondata di incendi che sono stati appiccati da mano al momento ignota su tutta l’isola d’Ischia. A partire dal tardo pomeriggio e fino a notte inoltrata, i mezzi antincendio di protezione civile, servizio regionale e vigili del fuoco sono rimasti severamente impegnati in quella che è stata una ondata di fuoco senza precedenti sull’isola verde. Le fiamme sono state appiccate a Lacco Ameno, al promontorio di Monte Vico. E poi ancora a Forio, in località via Bocca e Montecorvo ed in vari punti della zona alta dell’isola fra Serrara Fontana e Barano e alla collina di San Pietro. 

Ma l’incendio più devastante è quello che ha distrutto un ampio pezzo di preziosissima macchia mediterranea e vegetazione al promontorio di Monte Vico, mettendo in pericolo molte ville e l’albergo a cinque stelle San Montano. Distrutto il sentiero naturalistico e la Croce di Dozulè. Distrutto l’impianto di Pubblica Illuminazione.Qui le fiamme si sono sviluppate in maniera violentissima, alimentate dal forte vento che spira in zona,verso le 19:30. Le fiamme si sono sviluppate ad una altezza di oltre 150 metri sul livello del mare sul fronte nord est e subito sono arrivate a lambire la zona del cimitero.L’intera area è stata coperta da una nube di fumo denso ed a te che le forti raffiche di vento han spinto in gran parte non verso l’abitato, ma in direzione della parte alta, dove ci sono una cinquantina di case e strutture residenziali oltre al noto San Montano. 

Per continuare a leggere clicca qui Montevico avvolta in fiamme

Montevico dalla sua splendida visuale all’interno del percorso naturalistico