Archivi tag: Hobbit

tolkien guerra

Tolkien nel 1914-15: La Laurea e l’arruolamento

Approfondimenti degli eventi della vita di J.R.R. Tolkien nel 1914-15: parleremo di: 1) L’ entrata in guerra dell’Inghilterra 2) Il gruppo di amici con cui ha condiviso la maggior parte dei suoi studi al College e in parte anche durante il conflitto mondiale 3) La scoperta della lingua finnica 4) La Laurea in Lingua e Letteratura Inglese

Il Primo Conflitto Mondiale

1) Verso la fine del 1914, l’Inghilterra dichiarava guerra alla Germania. I giovani si arruolavano a migliaia, rispondendo alla chiamata alle armi del Generale Kitchener (kìčinë›, Horatio Herbert lord. – Bally Longford, Kerry, Irlanda, 1850 – Mare del Nord 1916). Tolkien avrebbe voluto restare ad Oxford fino al conseguimento della Laurea, ma datosi che le zie e gli zii si aspettavano che si arruolasse, così come aveva fatto già suo fratello Hilary come trombettiere, si trovò costretto nel farlo. Una disposizione però gli venne incontro in quanto avrebbe potuto continuare a studiare, svolgendo l’addestramento militare nel corpo ufficiali, rimandando così la partenza per il fronte fino al conseguimento della laurea. Rasserenato, iniziò questa doppia vita e fu felice di scoprire che G.B. Smith (suo amico) era stato assegnato anch’egli ai Fucilieri di Lancashire, e avrebbe cercato di farsi arruolare nel battaglione in cui si trovava Smith.

L’addestramento piaceva a Tolkien. Egli scriveva ad Edith quanto lo considerasse “un dono del cielo” : si sentiva in perfetta forma sia fisica che mentale, infatti presto iniziò ad adattare la vicenda di Kullervo trasformandola in una leggenda in versi e prosa (il poema originale Kalevala era in lingua finnica). Kullervo, sfortunato giovane che ignaro commette incesto: quando se ne rende conto si suicida gettandosi sulla sua spada.

Società Barroviana e del Club del Tè

2) La TCBS, iniziali di Tea Club and Barrovian Society (Società Barroviana e del Club de Tè),era una società informale e semisegreta formata da Tolkien, Robert Quilter Gilson (25 Ottobre 1893- 1 Luglio 1916), Geoffrey Bache Smith (18 Ottobre 1894-3 Dicembre 1916) e Christopher Wiseman (20 Aprile 1893-25 Luglio 1987) mentre frequentavano la King’s Edward’s School di Birmingham nel 1911. Questa sigla era una allusione all’abitudine dei quattro di bere tè nella biblioteca della scuola di nascosto, e presso i magazzini Barrow’s, vicino alla scuola.

Tolkien e l’amicizia

Per Ronald la scuola e gli amici erano il centro della sua vita. Nel periodo di veto forzato da Padre Francis (di cui abbiamo parlato nella prima lettera), che corrispondeva a quello in cui la maggior parte dei giovani scopre la compagnia femminile, John cercava di dimenticare o quanto meno assopire le fantasticherie romantiche per Edith, condividendo le scoperte e gli studi con le persone del suo stesso sesso. D’altronde, la società in cui si era tuffato era composta interamente da uomini. Alla King Edward’s, nel 1911, la biblioteca scolastica era amministrata da un gruppo di “Bibliotecari”: Tolkien, Wiseman, Gilson, il figlio del preside e altri tre o quattro.

Christopher Wiseman, sessantaquattro anni dopo, riportò a proposito dell’origine di questo circolo:

«[…] Gli esami proseguivano […] e se non ne avevi uno da sostenere, non avevi niente da fare. Perciò cominciammo a prendere il tè nella biblioteca della scuola. […] Facevamo bollire l’acqua su un fornellino ad alcool. […] mentre gli addetti alla pulizia si affaccendavano in giro con scope, secchi e spazzoloni, gettando segatura per terra, finivamo per buttare le foglie del tè nei loro secchi. Durante il periodo estivo, la nostra meta preferita per il tè erano i Magazzini Barrow, in Corporation Street. Nella sala da tè […] c’era in tavolo da sei tra due lunghe panche. Questo divenne il nostro posto di ritrovo preferito e prendendo in prestito il nome del luogo, diventammo la Barrovian Society».

Christopher Wiseman

Gilson aveva ereditato dal padre un volto espressivo e una mente sveglia, appassionato di disegno e pittura (sopratutto di quella Rinascimentale). Wiseman era un esperto di scienze naturali, di musica, matematica e compositore. John Ronald era l’esperto di idiomi germanici, di filologia e di letteratura nordica. Tutti e tre avevano in comune una profonda conoscenza della letteratura greca e latina. Più tardi si aggiunse Smith, più giovane sia di Tolkien che di Gilson. Non era un classicista ma si integrò subito con gli altri tre poiché aveva una competenza esemplare e abbastanza rara alla King Edward’s: conosceva la letteratura inglese e in particolare la poesia ed era un aspirante poeta in proprio.

La scoperta della lingua Finnica

3) Tolkien scoprì il finnico nel 1912, quando ancora frequentava l’Exeter College, nel periodo in cui non poteva scrivere o vedere Edith, parecchi mesi prima della maggiore età. Sperando di impararlo fin da quando aveva letto il Kalevala (nella traduzione inglese), cercò e trovò una grammatica finnica, con l’aiuto della quale iniziò a leggere il poema in lingua originale. Disse in seguito: «Fu come scoprire una cantina piena di vini eccellenti, mai assaggiati prima. Finii quasi per ubriacarmi». L’effetto che produsse sulla sua inventiva fu fondamentale e duraturo. Abbandonò il neogotico e cominciò a creare un idoma personale molto influenzato dal finnico. Era questa la lingua che in seguito sarebbe apparsa nelle sue storie come «Quenya» . Esordì in una associazione culturale del College parlando della mitologia finnica:

«Queste ballate sono piene di quel primitivo sottobosco che la letteratura europea ha tagliato, ridotto e ridisposto con diversa qualità e pienezza per molti secoli. Vorrei che fosse rimasto più materiale, e qualcosa, almeno, che potesse attribuirsi alla cultura inglese».

J.R.R. Tolkien

Un concetto interessante: Già pensava, forse, di creare lui stesso quella mitologia per l’Inghilterra.

Continuò a lavorare sul finnico e nel 1915 era pervenuto ad un buon grado di complessità. Sentiva questo suo idioma personale come un “passatempo un po’ folle”, e più ci lavorava, più sentiva il bisogno di scrivere una “storia” che lo sostenesse. Non poteva esistere un idioma senza un popolo che lo parli. La sua “bislacca lingua fatata” si fece strada e Tolkien decise definitivamente che questa era la lingua parlata dagli esseri fatati, o Elfi, che Éarendel incontrò nel suo strano viaggio (come spiegato nella seconda lettera).

First Class Honours

4) Nel corso del 1915, oltre a dedicarsi alla fase embrionale della sua mitologia (iniziando a lavorare sul Lay di Éarendel, poesia che includeva alcuni elementi che appariranno anche nel Silmarillion), Tolkien era occupato anche nel prepararsi per lo Schools, l’esame finale di Lingua e Letteratura inglese. Nella seconda settimana di Giugno nel 1915 (giorno non noto) ottenne una First Class Honours. Nel Regno Unito la First Class è la più alta classificazione di onorificenze e indica un alto rendimento accademico. Con il massimo dei voti, Tolkien era abbastanza sicuro che, a guerra finita, sarebbe riuscito ad ottenere un incarico accademico.

J.R.R. Tolkien – Lettere 1914/1973 Ed. Bompiani 2017 (A cura di H. Carpenter e C. Tolkien) pag. 17, pag. 688 trad. Lorenzo Gammarelli

Humphrey Carpenter – J.R.R. Tolkien – La Biografia. Ed. Lindau 2009 Cap 4 “TCBS e altro” pag. 74-75-76 Cap. 5 “Oxford” pag. 95 Cap. 7 “Riuniti” pag. 117-118-123-124 trad. Franca Malagò e Paolo Pugni

Lunga vita ai Mezzuomini! Grandi onori ai Portatori dell’Anello – 8 Aprile Anno 3019

I giorni principali dopo caduta di Barad-Dûr (25 Marzo 3019), fino alla fine della Terza Era sono lo scenario post-distruzione di Sauron, quando l’Ombra scomparve definitivamente e i superstiti del suo esercito settentrionale furono spinti ad Est, non turbando mai più la Valle. Re Elessar venne incoronato Re dell’Ovest ed i reami rimasero amici di Gondor, vivendo sotto la corona e la protezione di Minas Tirith.

“Quando furono lavati e vestiti ed ebbero consumato un leggero pasto, gli Hobbit seguirono Gandalf. Lasciato il boschetto di betulle dove avevano dormito, percorsero un lungo prato verde. […] Giunti alla radura furono sorpresi di vedere guerrieri in brillanti armature e alle guardie vestite di nero e argento salutarli con deferenza al loro passaggio. Poi squillò una tromba ed essi avanzarono. […] E quando gli Hobbit si avvicinarono, vennero sguainate le spade e agitate le lance, mantre squillavano corni e trombe, e molte voci gridavano in molte lingue:”

“Lunga vita ai Mezzuomini! Onorateli con grandi onori! Cuio i Pheriain Annan! Aglar’ ni Pheriannath! Onorateli con grandi onori, Frodo e Samwise! Daur a Berhael, Conin en Annûn! Eglerio! Onorateli! Eglerio! A laita te, laita te! Andare laituvalmet! Onorateli! Cormacolindor, a laita tárienna! Onorateli! I portatori dell’Anello, onorateli con grandi onori!”

Tolman Cotton

Poi, con enorme stupore e confusione di Sam, egli [Elessar] si genufletté innanzi a loro; poi prendendoli per mano, Frodo a destra e Sam a sinistra, li condusse fino al trono, e dopo averli fatti sedere si voltò verso gli uomini e i capitani e parlò con voce potente per essere udito da tutto l’esercito, e disse:

“Onorateli con grandi onori!”

Tratto da “Il Signore degli Anelli – Il Ritorno del Re” – Capitolo IV, Il Campo di Cormallen, pag. 1028-1029 – Edizione Bompiani Vintage – Traduzione Vicky Alliata di Villafranca.

L’uomo della Luna scese troppo presto – Poesie dal Libro Rosso di Bilbo Baggins

Nel LIBRO ROSSO si trovano molte poesie. Alcune sono comprese nella narrazione della Caduta del Signore degli Anelli, molte altre su pagine sciolte. Alcuni pezzi antichi riguardano per lo più leggende e gesta della Contea alla fine della Terza Era, e pare che siano stati composti dagli Hobbit, in particolare da Bilbo e i suoi amici, o dai loro diretti discendenti.

La poesia numero 6, “L’uomo della Luna scese troppo presto” scritta da Bilbo, è chiaramente basata sulle tradizioni degli Uomini che vivevano lungo le coste e per i quali i fiumi che sfociavano nel mare erano un passaggio familiare. Infatti, la poesia menziona proprio Belfalas (la baia ventosa di Bel), e la Torre su Mare, Tirith Aear, di Dol Amroth. Ciò dà riscontro dell’influenza degli avvenimenti alla fine della Terza Era e di come i contatti diretti con Rivendell e Gondor abbiano cambiato gli orizzonti della Contea.

Alan Lee - The Man in the Moon Came Down Too Soon

Titolo originale: “The Man in the Moon Came Down too soon”

L’uomo della luna avea scarpe d’argento,

la barba di fili luccicanti

d’opali incoronato, le perle avea cucito

alla cintura sul davanti.

[…] Una scala in filigrana di capelli luccicanti

agilmente in discesa imboccò;

Felice e contento d’esser libero alfine

in una folle avventura si gettò.

I bianchi diamanti più non amava:

era stanco del suo minareto.

[…] Ogni rischio avrebbe corso per poter ornare

di rubini il suo pallido vestir;

Per nuovi diademi di gemme brillanti,

di smeraldi e di zaffir.

[…] Al plenilunio sulla luna d’argento

nel suo cuore il Fuoco bramava:

il cremisi e il rosa, l’ardor della brace

di fiamme l’infuocata cresta;

I cieli scarlatti di un’alba improvvisa

un giovane giorno di tempesta.

[…] Invidiava i canti e le lunghe risa,

il vino e una calda vivanda,

mentre sol dolci perlati di neve mangiava,

raggio di luna la sua bevanda.

[…] Qual meteora, quella notte prima di Natale,

venne giù luccicando come argento,

dalla scala sottile in un mare schiumoso

nella Baia di Bel piena di vento.

Cominciò a pensare, per non annegare,

che cosa avrebbe fatto,

quando un peschereccio […] lo prese dalla rete

luccicante e bagnato

nel suo abito fosforescente.

[…] “Dovreste cercarvi un buon letto”, gli fu detto,

“la città è qui vicino.”

Solo l’alta Torre della riviera

diede con la lenta campana

l’annuncio di questa strampalata crociera

in quell’ora inopportuna e strana.

[…] Bussò, passando, a porte ben serrate

e invano urlò e chiamò;

finchè giunse a una locanda con finestre illuminate

e al vetro lui bussò.

Un cuoco addormentato lo guardò accigliato

e “Che vuoi?” gli domandò.

“Voglio un fuoco, e oro, e un canto antico,

e vino rosso che scorra à gogo!”

“Non li troverai qui” diss’ei con torva occhiata,

“ma voglio farti entrare”

[…] Un dono d’argento per aprire il chiavistello,

una perla per poter l’uscio varcar,

per sedersi con il cuoco vicino al fuoco

altre venti ne dovette dar.

Da mangiare e bere nulla poté avere

finché non consegnò corona e manto.

In una ciotola di terracotta, annerita e rotta

da mangiare ebbe soltanto

zuppa ormai raffreddata, da due giorni avanzata,

con un misero mestolo in legno.

Troppo presto, quello sciocco, sulla Terra era arrivato

per un pasto del Natale degno:

Fu una pazza spedizione, per quell’ospite avventato

giunto dal suo lunare regno.

J.R.R. Tolkien, Le avventure di Tom Bombadil, “L’uomo della Luna scese troppo presto“, pag. 71 ed. Bompiani, I LIBRI DI TOLKIEN