Archivi tag: TheHobbit

tolkien guerra

Tolkien nel 1914-15: La Laurea e l’arruolamento

Approfondimenti degli eventi della vita di J.R.R. Tolkien nel 1914-15: parleremo di: 1) L’ entrata in guerra dell’Inghilterra 2) Il gruppo di amici con cui ha condiviso la maggior parte dei suoi studi al College e in parte anche durante il conflitto mondiale 3) La scoperta della lingua finnica 4) La Laurea in Lingua e Letteratura Inglese

Il Primo Conflitto Mondiale

1) Verso la fine del 1914, l’Inghilterra dichiarava guerra alla Germania. I giovani si arruolavano a migliaia, rispondendo alla chiamata alle armi del Generale Kitchener (kìčinë›, Horatio Herbert lord. – Bally Longford, Kerry, Irlanda, 1850 – Mare del Nord 1916). Tolkien avrebbe voluto restare ad Oxford fino al conseguimento della Laurea, ma datosi che le zie e gli zii si aspettavano che si arruolasse, così come aveva fatto già suo fratello Hilary come trombettiere, si trovò costretto nel farlo. Una disposizione però gli venne incontro in quanto avrebbe potuto continuare a studiare, svolgendo l’addestramento militare nel corpo ufficiali, rimandando così la partenza per il fronte fino al conseguimento della laurea. Rasserenato, iniziò questa doppia vita e fu felice di scoprire che G.B. Smith (suo amico) era stato assegnato anch’egli ai Fucilieri di Lancashire, e avrebbe cercato di farsi arruolare nel battaglione in cui si trovava Smith.

L’addestramento piaceva a Tolkien. Egli scriveva ad Edith quanto lo considerasse “un dono del cielo” : si sentiva in perfetta forma sia fisica che mentale, infatti presto iniziò ad adattare la vicenda di Kullervo trasformandola in una leggenda in versi e prosa (il poema originale Kalevala era in lingua finnica). Kullervo, sfortunato giovane che ignaro commette incesto: quando se ne rende conto si suicida gettandosi sulla sua spada.

Società Barroviana e del Club del Tè

2) La TCBS, iniziali di Tea Club and Barrovian Society (Società Barroviana e del Club de Tè),era una società informale e semisegreta formata da Tolkien, Robert Quilter Gilson (25 Ottobre 1893- 1 Luglio 1916), Geoffrey Bache Smith (18 Ottobre 1894-3 Dicembre 1916) e Christopher Wiseman (20 Aprile 1893-25 Luglio 1987) mentre frequentavano la King’s Edward’s School di Birmingham nel 1911. Questa sigla era una allusione all’abitudine dei quattro di bere tè nella biblioteca della scuola di nascosto, e presso i magazzini Barrow’s, vicino alla scuola.

Tolkien e l’amicizia

Per Ronald la scuola e gli amici erano il centro della sua vita. Nel periodo di veto forzato da Padre Francis (di cui abbiamo parlato nella prima lettera), che corrispondeva a quello in cui la maggior parte dei giovani scopre la compagnia femminile, John cercava di dimenticare o quanto meno assopire le fantasticherie romantiche per Edith, condividendo le scoperte e gli studi con le persone del suo stesso sesso. D’altronde, la società in cui si era tuffato era composta interamente da uomini. Alla King Edward’s, nel 1911, la biblioteca scolastica era amministrata da un gruppo di “Bibliotecari”: Tolkien, Wiseman, Gilson, il figlio del preside e altri tre o quattro.

Christopher Wiseman, sessantaquattro anni dopo, riportò a proposito dell’origine di questo circolo:

«[…] Gli esami proseguivano […] e se non ne avevi uno da sostenere, non avevi niente da fare. Perciò cominciammo a prendere il tè nella biblioteca della scuola. […] Facevamo bollire l’acqua su un fornellino ad alcool. […] mentre gli addetti alla pulizia si affaccendavano in giro con scope, secchi e spazzoloni, gettando segatura per terra, finivamo per buttare le foglie del tè nei loro secchi. Durante il periodo estivo, la nostra meta preferita per il tè erano i Magazzini Barrow, in Corporation Street. Nella sala da tè […] c’era in tavolo da sei tra due lunghe panche. Questo divenne il nostro posto di ritrovo preferito e prendendo in prestito il nome del luogo, diventammo la Barrovian Society».

Christopher Wiseman

Gilson aveva ereditato dal padre un volto espressivo e una mente sveglia, appassionato di disegno e pittura (sopratutto di quella Rinascimentale). Wiseman era un esperto di scienze naturali, di musica, matematica e compositore. John Ronald era l’esperto di idiomi germanici, di filologia e di letteratura nordica. Tutti e tre avevano in comune una profonda conoscenza della letteratura greca e latina. Più tardi si aggiunse Smith, più giovane sia di Tolkien che di Gilson. Non era un classicista ma si integrò subito con gli altri tre poiché aveva una competenza esemplare e abbastanza rara alla King Edward’s: conosceva la letteratura inglese e in particolare la poesia ed era un aspirante poeta in proprio.

La scoperta della lingua Finnica

3) Tolkien scoprì il finnico nel 1912, quando ancora frequentava l’Exeter College, nel periodo in cui non poteva scrivere o vedere Edith, parecchi mesi prima della maggiore età. Sperando di impararlo fin da quando aveva letto il Kalevala (nella traduzione inglese), cercò e trovò una grammatica finnica, con l’aiuto della quale iniziò a leggere il poema in lingua originale. Disse in seguito: «Fu come scoprire una cantina piena di vini eccellenti, mai assaggiati prima. Finii quasi per ubriacarmi». L’effetto che produsse sulla sua inventiva fu fondamentale e duraturo. Abbandonò il neogotico e cominciò a creare un idoma personale molto influenzato dal finnico. Era questa la lingua che in seguito sarebbe apparsa nelle sue storie come «Quenya» . Esordì in una associazione culturale del College parlando della mitologia finnica:

«Queste ballate sono piene di quel primitivo sottobosco che la letteratura europea ha tagliato, ridotto e ridisposto con diversa qualità e pienezza per molti secoli. Vorrei che fosse rimasto più materiale, e qualcosa, almeno, che potesse attribuirsi alla cultura inglese».

J.R.R. Tolkien

Un concetto interessante: Già pensava, forse, di creare lui stesso quella mitologia per l’Inghilterra.

Continuò a lavorare sul finnico e nel 1915 era pervenuto ad un buon grado di complessità. Sentiva questo suo idioma personale come un “passatempo un po’ folle”, e più ci lavorava, più sentiva il bisogno di scrivere una “storia” che lo sostenesse. Non poteva esistere un idioma senza un popolo che lo parli. La sua “bislacca lingua fatata” si fece strada e Tolkien decise definitivamente che questa era la lingua parlata dagli esseri fatati, o Elfi, che Éarendel incontrò nel suo strano viaggio (come spiegato nella seconda lettera).

First Class Honours

4) Nel corso del 1915, oltre a dedicarsi alla fase embrionale della sua mitologia (iniziando a lavorare sul Lay di Éarendel, poesia che includeva alcuni elementi che appariranno anche nel Silmarillion), Tolkien era occupato anche nel prepararsi per lo Schools, l’esame finale di Lingua e Letteratura inglese. Nella seconda settimana di Giugno nel 1915 (giorno non noto) ottenne una First Class Honours. Nel Regno Unito la First Class è la più alta classificazione di onorificenze e indica un alto rendimento accademico. Con il massimo dei voti, Tolkien era abbastanza sicuro che, a guerra finita, sarebbe riuscito ad ottenere un incarico accademico.

J.R.R. Tolkien – Lettere 1914/1973 Ed. Bompiani 2017 (A cura di H. Carpenter e C. Tolkien) pag. 17, pag. 688 trad. Lorenzo Gammarelli

Humphrey Carpenter – J.R.R. Tolkien – La Biografia. Ed. Lindau 2009 Cap 4 “TCBS e altro” pag. 74-75-76 Cap. 5 “Oxford” pag. 95 Cap. 7 “Riuniti” pag. 117-118-123-124 trad. Franca Malagò e Paolo Pugni

Bilbo Baggins- Thorin

L’Archepietra, tesoro maledetto

Arkengemma (o Archepietra), significa letteralmente “Pietra Preziosa“, il termine sembra derivare dall’antico inglese Eorclanstán, a sua volta derivata dalla parola norrena jarknasteinn, tratta dall’Edda.

La gemma era anche detta Cuore della Montagna, anche in virtù del fatto che era stata scoperta in profondità e brillava quasi di luce propria.

L’Arkengemma, secondo la descrizione data nel libro, era grossa all’incirca come un pugno (la più grande e perfetta mai estratta dalle profondità di Erebor) e brillava di luce propria; tuttavia, essendo stata tagliata e modellata da Nani, rifletteva e moltiplicava qualsiasi luce che si rifrangeva sulla sua superficie.

Eventi accaduti ne “Lo Hobbit”

Nel 2941 TE fu ritrovata da Bilbo Baggins tra il tesoro di Smaug; rapito dalla bellezza della gemma l’hobbit, senza quasi pensarci, se la infilò in tasca pensando di reclamarla quale sua parte del tesoro. Tuttavia dopo la morte del drago Thorin reclamò per lui la pietra, ammonendo che si sarebbe vendicato di chiunque l’avesse trovata e se la fosse tenuta per sé. Spaventato dalle parole del Nano, Bilbo pensò per il momento di non dire nulla; successivamente pensò di usare la pietra per convincere Thorin a desistere dalla sua follia di resistere agli Uomini e agli Elfi così durante la notte, servendosi del potere del suo Anello, raggiunse l’accampamento opposto la consegnò a Bard, sperando che ciò inducesse il nano a più miti consigli.

Il dialogo tra Thorin e Bard alle porte di Erebor

« Salute, Thorin! » disse Bard. « Sei ancora dello stesso parere? ».
« Io non cambio parere coll’alba e il tramonto di pochi soli » rispose Thorin.
« Siete venuti a farmi domande oziose? L’esercito degli elfi non se ne è ancora andato via, come avevo intimato! Fino ad allora inutilmente vieni a trattare con me! ».

« Non c’è nulla per cui cederesti un po’ del tuo oro? ».
« Nulla che tu o i tuoi amici abbiate da offrire ».
« E se fosse l’Archepietra di Thrain? » disse Bard, e a quelle parole il vecchio aprì il cofanetto e tenne alta la gemma. La luce filtrò dalla sua mano, vivida e bianca nel mattino.
Allora Thorin ammutolì, stupefatto e confuso. Per un lungo momento nessuno parlò.
Alla fine Thorin ruppe il silenzio, e la sua voce era densa di collera.

«Quella pietra era di mio padre, e appartiene a me» egli disse. «Perché dovrei comprare quello che mi appartiene?». Ma lo stupore lo sopraffece ed egli aggiunse: « Ma come avete fatto a impadronirvi di questo cimelio della mia famiglia? ammesso che ci sia bisogno di fare una domanda simile a dei ladri… ».

« Noi non siamo ladri » rispose Bard. « Quello che ti spetta ti verrà restituito in cambio di quello che spetta a noi ».
« Come avete fatto a impadronirvene? » urlò Thorin in un crescendo di collera.

« Gliel’ho data io! » squittì Bilbo, che faceva capolino da sopra il muro, ormai spaventato da morire.

(J.R.R. Tolkien, The Hobbit)

Fonti storiografiche: Tolkienpedia

Thorin-Bilbo-Arkenstone

L’Anello si chiude, speciale “Ciak”

Quale sorpresa inaspettata! Sapere di un articolo su “Lo Hobbit” sul famoso giornale “Ciak” !

La frase che più mi ha sorpresa (da Tolkeniana appassionata ed estimatrice di Bilbo) è stata quella di Martin Freeman:

Senza dubbio, quella de “Lo Hobbit, è stata un’ esperienza indimenticabile, straordinaria, ma come spesso accade nella vita, sono contento di averla fatta e anche che sia finita. Ma ve lo immaginate che incubo essere Bilbo per sempre?

 

 

Luke Evans, invece, dimostra tutto il suo attaccamento a Bard, ponendo il suo personaggio in una escalation di eventi positivi!

 

E’ come se i miei film precedenti siano stati il training per diventare un eroe, per arrivare fin qui!

 

 

Ovviamente, sono stati fatti dei vaghi riferimenti al destino di Thorin; ma per fortuna, nessuno spoiler… (lasciando così un pò di curiosità a chi è ignaro!)

Ecco le foto dell’articolo e buona lettura!